Concerto “Courant(e)s”

EVENTO DI INAUGURAZIONE
SABATO 16 LUGLIO 2022

Ore 17:30 Centrale di Maën
Valtournenche – Valle d’Aosta

Federico Marchesano e Manuel Pramotton si incontrano: contrabbasso e sassofono.

I due musicisti, forti di una lunga e reciproca frequentazione, prima in seno agli Aljazzeera e poi con il gruppo Italo-francese Eternauta, presentano per questa particolare produzione dello Chamoisic Festival alcune nuove composizioni.
Improvvisazione, elettronica e scrittura si fondono dando occasione ai due interpreti di sviscerare le possibilità sonore dei propri strumenti.

Federico Marchesano
Contrabbasso

Diplomato in contrabbasso al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino e perfezionatosi con il virtuoso Franco Petracchi all’Accademia Walter Stauffer di Cremona, ha successivamente studiato improvvisazione e composizione con Stefano
Battaglia a Siena Jazz.
Nel 2003 viene premiato da Sue Mingus al concorso Incroci Sonori Jazz di Moncalieri e si esibisce in solo aprendo il concerto della Mingus Orchestra.
Nel 2004 viene selezionato da Louis Sclavis per la Europe Jazz Odissey, orchestra formata da giovani talenti europei. Con Louis Sclavis approfondisce la pratica della libera improvvisazione.
Ha svolto attività di contrabbassista orchestrale in molte orchestre tra cui:
European Union Youth Orchestra, Orchestra dell’Accademia di S. Cecilia, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Orchestra da Camera di S. Accardo, Orchestra della Svizzera Italiana, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento.

Ha suonato sotto la direzione di: Colin Davis, Myung Whun Chung, Bernard Haitink, Eliahu Inbal, Lorin Mazel, Gianandrea Noseda, Geffrey Tate, John Axelrod, Juraj Valcuha, Mikhail, Pletnev.

Ha suonato in numerose formazioni jazz tra cui: 3quietmen, Prank, Aljazzeera, Trovesi Berghheim, Arto Fantasma, Actis Band.

Dirige il quartetto ATALANTE, con Louis Sclavis, Mattia Barbieri and Enrico Degani.
Ha suonato tra gli alti con: Fabrizio Bosso, Gianluigi Trovesi, Stefano Battaglia, Stefano Bollani, Flavio Boltro, Dominique Pifarély, Louis Sclavis, Bob Moses, Mary Halvorson, Roberto Cecchetto, Giorgio Li Calzi, Butch Morris, Jon Balke, Emanuele Cisi, Zeno de Rossi, Ramon Moro, Fabio Giachino, Domenico Caliri, Francesco Bearzatti, Carlo Actisdato.

Manuel Pramotton
Sassofono

Si è diplomato in sassofono e in jazz con il massimo dei voti presso l’Istituto Musicale della Val d’Aosta. Con la borsa di studio vinta ad Umbria Jazz nel 2004 ha potuto frequentare il Berklee College of Music di Boston. Nel 2012 si è laureato con il massimo dei voti presso il Conservatoire de Lausanne haute école di musique classique et jazz e ha conseguito il Master in Performance Jazz nel 2012.

Ha suonato con Jerry Welldone, Jerry Bergonzi, Benny Golson, Daryl M. Lowery, Ben Elkins, Stefano Zenni, Riccardo Fioravanti, Robert Bonisolo, Loui Sclavis, Ray Lema, Tito Mangialajo, Bob Mintzer, Carlo Actis Dato, Marco Fadda, Fabrizio Bosso…

Si è esibito in prestigiosi jazz festival internazionali quali: “Montreux Jazz Festival”, “Torino Jazz Festival”, “Brosella ” (Bruxelles, Belgio), “Bruges Jazz Festival” (Bruges, Belgio), “JazzAscona” (Ascona, Svizzera), “JazzJuan” (Juan Les Pins, France), “Umbria Jazz Festival Winter” (Orvieto, Italy), “Percfest” (Liguria, Italy), “Hue Festival” (Vietnam), “Festival de la citeé” (Lausanne, in Switzerland), “Le città del jazz” (Sistina Theatre, Roma, Italy), “Saison Culturelle” (Aosta, Italy), “ArezzoWave”…

Ha al suo attivo numerose pubblicazioni discografiche.

Dal 2003 è docente di sassofono, armonia e improvvisazione jazz presso la “Scuola di Formazione e Orientamento Musicale” della Valle d’Aosta.

Partecipazione gratuita aperta a tutti

Mostra “Goccia a Goccia”

SPERIMENTARE – INSTALLAZIONE SONORA

di Enrico Ascoli

DAL 17 LUGLIO AL 28 AGOSTO 2022

Aperta tutti i giorni dalle ore 16:30 alle ore 19:00
Centrale di Maën
Valtournenche – Valle d’Aosta

Le parole di Enrico Ascoli ci indicano l’idea creativa sottesa all’installazione:

“Girando un documentario nelle miniere di antimonio dello stato di San Luis Potosi in Messico ad un certo punto mi sono chiesto come si idratassero i minatori dato che tutti loro, a differenza della troupe cinematografica, non erano muniti di borraccia.
Mi spiegarono che avevano due modi per ottemperare a questa esigenza.
Il primo era nutrirsi del cuore del frutto dell’agave, molto succoso e nutriente di cui avevano scorte nelle saccocce e il secondo era quello di dislocare, nei ben 500 km di tunnel, barattoli e contenitori per la raccolta delle gocce d’acqua sgorganti in maniera naturale dalle rocce.
Un giorno ci imbattemmo in uno di questi punti di raccolta. Il suono mi arrivò ben prima che raggiungessimo i barattoli arrugginiti sparsi lungo il sentiero roccioso. Era una melodia di marimbe di latta che si disperdeva in maniera magica tra i tunnel.
Ne fui commosso. Ci abbeverammo tutti e l’acqua era fresca e cristallina; “limpia y pura” come mi dissero puntualizzando orgogliosi i minatori.
L’installazione sonora trae spunto da questa esperienza e ragiona sulla goccia come simbolo indispensabile per la sopravvivenza e come emblema della scarsità e razionalizzazione delle risorse idriche. Gocce cadono dall’alto sopra elementi della nostra quotidianità: una sorta di ambiente percussivo totemico.
Al centro una turbina dismessa, elemento fondamentale dell’energia idroelettrica, vibra armonica anch’essa colpita dall’acqua.
Il paesaggio sonoro ritmico che viene a generarsi vuole essere un punto di partenza per la riflessione dell’importanza e della tutela di questa risorsa per il futuro del pianeta”.

Enrico Ascoli
Artista internazionale

Enrico Ascoli lavora nell’ambito della sound art, della musica sperimentale. Realizza suoni e musiche per documentari, film di animazione e lungometraggi.
Porta avanti una ricerca personale negli ambiti del field recordings e della musica elettroacustica.

Nell’ambito dell’arte contemporanea crea installazioni sonore, composizioni musicali e performance in genere “site specific” e interagenti con il territorio;
opere nelle quali usando oggetti quotidiani, processi culinari, sculture cinetiche e registrazioni di particolari aree geografiche crea dialogo tra astrazioni estetiche e prospettive socioculturali.

Collaborando con numerosi registi e case di produzione in Francia e in Italia è presente come compositore di colonne sonore da film nei più importanti festival cinematografici a livello internazionale.

Recentemente ha vinto il premio Canal+ come migliori musiche al Clermont-Ferrand International Short Film Festival (France, 2021) con il cortometraggio The Nightwalk di Adriano Valerio. Il film di animazione Journal Animé di Donato Sansone è stato nominato ai Cesar.
Con il film Dissent di Helmut Dos Santos si é aggiudicato il premio come miglior colonna sonora al Madrid International Film Festival.

Come artista sonoro ha presentato il suo lavoro in Italia e all’estero in mostre presso istituzioni pubbliche e private come la Friche Belle de Mai, Marseille; Kunzerthauss, Wien; Galerie Joselyn Wolff, Paris; PAV, Torino; Kultuurikatel, Tallinn; MAXXI, Roma; Museion, Bolzano; Cantieri Culturali della Zisa, Palermo; Fondazione Bevilacqua la Masa, Venezia; Paco das artes – Sao Paulo, Brazil; Architecture Biennal, Palazzo Bevilacqua La Masa, Venezia, Royal academy of London; Rijsk academy, Amsterdam; La Villette Numerique, Paris.

Tra le installazioni sonore più note vi sono Auspicio e Marsia fatte in collaborazione con l’artista Hilario Isola.

Partecipazione gratuita aperta a tutti

Durante l’evento saranno realizzate riprese televisive, interviste e
fotografie che saranno utilizzate per la produzione di video e materiali
promozionali riguardanti l’evento stesso, inclusa la diffusione
su canali digitali, web e social.

Il visitatore accetta che la propria immagine possa essere ritratta in fotografie e riprese video.

Mostra “Goccia a Goccia”

CONOSCERE – AREA DIVULGATIVA

a cura di Edoardo Vigna

DAL 17 LUGLIO AL 28 AGOSTO 2022

Aperta tutti i giorni dall ore 16:30 alle ore 19:00
Centrale di Maën
Valtournenche – Valle d’Aosta

Il racconto della scarsità dell’acqua del mondo e il suo valore come risorsa rinnovabile si sviluppa in una narrazione organizzata in tre aree tematiche – le Minacce, le Soluzioni, l’Orizzonte – affiancate da “intermezzi” in poesia.

Si parla dell’acqua e del suo peso sul pianeta, dei principali rischi legati ai cambiamenti climatici, in particolare al riscaldamento globale, e all’attività dell’uomo: quindi lo scioglimento dei ghiacci, l’innalzamento dei mari, la siccità e la diffusione dei rifiuti di plastica e delle microplastiche.

Si parla delle soluzioni da adottare cominciando, naturalmente, dall’uso delle energie rinnovabili per decarbonizzare il pianeta, in particolare ovviamente quelle legate all’acqua, all’utilizzo di tecniche intelligenti in agricoltura, fino al recupero delle acque di scarto per la produzione di biomassa.

Si esaminano anche le prospettive di rischi ancora più gravi in un orizzonte di medio termine – le guerre dell’acqua, la possibilità perfino dell’arresto della corrente del Golfo.

Ma ci si affida anche alla poetica, con l’intenzione di far volare positivamente le emozioni attraverso i versi, tra gli altri, di John Keats, Emily Dickinson e Pablo Neruda che ci ricordano la dolcezza e la bellezza delle gocce d’acqua.

Edoardo Vigna
Caporedatore al Corriere della Sera

Edoardo Vigna è caporedattore al Corriere della Sera, responsabile di Pianeta 2030, l’area del giornale di via Solferino dedicata alla sostenibilità e all’ambiente: coordina e realizza un sistema che comprende il mensile omonimo, il canale online all’interno di Corriere.it, la newsletter “Clima e ambiente”, gli eventi dedicati, a cominciare dalla ormai tradizionale maratona per la Giornata mondiale dell’Ambiente.

Ha pubblicato nel 2020, con il magistrato Marcello Bortolato (Presidente del Tribunale di sorveglianza di Firenze), il libro Vendetta pubblica. Il carcere in Italia, edito da Laterza, giunto alla seconda ristampa. Ha scritto Europa. La meglio gioventù (2019, Neri Pozza) e, con il collega Enrico Marro, Sette mesi di Berlusconi, (1994, 2001). Ha pubblicato anche un libro di favole Le emozioni raccontate da orsi, rondini e farfalle, (2019 Nord-Sud Edizioni, illustrazioni di Manuela Martinoli). Su corriere.it è autore del blog Globalist.
È tutor al Master in Giornalismo della Scuola Walter Tobagi dell’Università degli Studi di Milano

Partecipazione gratuita aperta a tutti

Goccia a Goccia

è un evento Carbon Free

Ogni occasione è buona per fare la differenza.
Per questo noi di CVA abbiamo scelto di rendere Carbon Neutral tutti i nostri eventi dell’estate 2022.
Per farlo sono state calcolate le emissioni di CO2 non riducibili prodotte dalle nostre manifestazioni e le abbiamo neutralizzate con progetti certificati a livello internazionale.
Questo vuol dire che per ogni chilogrammo di CO2 prodotto dall’evento, altrettanta CO2
verrà abbattuta sostenendo progetti certificati di tutela ambientale.

risponde agli obiettivi dell’Agenda ONU 2030

In collaborazione con il Comune di / Commune de

valtournenche-2022-2